16 Lug

Sono disponibili all’acquisto nell’E-commerce Guarnerio Editore e presso la sede della Guarnerio soc. coop. (via della Rosta 46, Udine) alcune interessanti pubblicazioni degli studiosi che abbiamo ospitato alle numerose conferenze del progetto Dove ci portate?.

K.M. Duesberg, P. Ferrari (a cura di), Dove ci portate? Wohim bringt ihr uns? Kam nas peljete. La deportazione dei pazienti psichiatrici della Val Canale e le opzioni italo-tedesche. 
Il libro affronta la storia inedita di un gruppo di persone originari della Valcanale, che nel maggio 1940 vennero deportate in istituti del Terzo Reich.

A. Valeriano, Malacarne. Donne e manicomio nell’Italia fascista.
Nel volume vengono ricostruite, grazie alla ricchissima documentazione d’archivio, le storie di donne etichettate come “diverse”, distanti dalle prerogative dello Stato di epoca fascista e per questo rinchiuse in manicomio.

M. Petracci, I matti del duce. Manicomi e repressione politica nell’Italia fascista.
Quali ragioni medico-scientifiche hanno portato all’internamento psichiatrico? Quali, invece, sono state le ragioni dettate dalla politica del regime contro il dissenso e l’anticonformismo sociale? Attraverso carte di polizia e giudiziarie, testimonianze e relazioni mediche e psichiatriche contenute nelle cartelle cliniche, l’autore ricostruisce i diversi percorsi che hanno portato gli antifascisti in manicomio.

V. Babini, Liberi tutti. Manicomi e psichiatri in Italia: una storia del Novecento.
Con la chiusura del manicomio di Trieste nel 1980, per la prima volta un ospedale psichiatrico viene dichiarato soppresso. E’ l’avvio di una nuova epoca per la cura delle malattie mentali. Nel libro sono riportate le voci di chi fu testimone di questa rivoluzione: medici, giornalisti, fotografi, scrittori, registi, ma anche ex degenti e cittadini.

🌐 www.doveciportate.it

04 Set

Tre mostre in un catalogo per Moggio Udinese nella Grande Guerra

Presentato il 16 agosto 2018 davanti ad un folto pubblico, il catalogo/libro dal titolo Moggio Udinese nella Grande Guerra / Centenario della Prima Guerra Mondiale/ Cinquant’anni di storia 1870 – 1920 riassume il lungo ed appassionato lavoro del la Sezione Archivio Storico Fotografico Moggese, sezione della Biblioteca Comunale F.Candotti di Moggio Udinese.

Dieci lunghi anni di lavoro e di proficui rapporti sul territorio sono serviti per ricostruire con grande dovizia di informazioni e dettagli, la situazione del territorio moggese col focus al periodo della Grande Guerra. Un lavoro importante e rilevante, sia dal punto di vista storico che del coinvolgimento territoriale. Progettato e realizzato per fare il punto sulla memoria moggese del periodo, il libro va ben oltre per la qualità dei contenuti storici e iconografici presentati e per il taglio divulgativo e vicino alla gente che ha voluto mantenere, come ha dimostrato il successo della serata di presentazione ha dimostrato.

Una occasione rara, in cui la passione, la competenza, la capacità e l’orgoglio di essere parte di una comunità ha il suo miglior esito. Consolidato ormai da diverse attività già dalla fine degli anni ’80 del secolo scorso, il lavoro dei volontari dell’Archivio Fotografico Storico Moggese continua a sorprendere per la sua capacità di approfondire con competenza ma anche con la dovuta leggerezza questioni importanti e decisive per il mantenimento del senso di appartenenza della comunità locale, cosa non facile da ottenere nel periodo che viviamo.

Una pubblicazione importante che va al di là dell’interesse locale sia per la competenza dimostrata che per il metodo di realizzazione (tre mostre in tre anni e un catalogo conclusivo come memoria dell’intero percorso espositivo). Non possiamo che congratularci per tali iniziative e mettere a disposizione degli appassionati questo splendido volume.

Guarda la scheda