Archivio mensile:Settembre 2016

Potenza e Debolezza di Luca Zaro

il-giocoliere
 

In mostra le pietre in equilibrio di Luca Zaro .
Inaugurazione il 1° ottobre, allo spazio Interazioni di Udine

Sassi duri e immobili, sassi in equilibrio precario, sassi sovrapposti in un archetipo totemico. Il tema è quello della natura e dell’uomo, declinato appunto attraverso delle “quasi sculture” realizzate con i sassi, che sono i principali protagonisti di “Potenza & Debolezza”, le opere di Luca Zaro fotografate nei luoghi che lo hanno ispirato. L’esposizione, organizzata da Poesia&friends, verrà inaugurata sabato 1 ottobre, alle 18.30 negli spazi dell’Associazione interAzioni in via della Rosta 46 a Udine. In mostra ci saranno le foto di “graffiti balancing” realizzate da Zaro: scatti che ripropongono, attraverso una variante decorata dello “stone balancing”, figure metaforiche dell’uomo e dell’ambiente. Nell’occasione, si potrà anche assistere ad una performance di “stone balancing”, nata come disciplina zen e divenuta una forma di arte che consiste nel porre in equilibrio pietre e sassi di forme differenti, senza nessun supporto se non quello della forza di gravità. A completare l’esposizione, ci saranno video dello stesso Zaro e le letture delle poesie di Natalia Bondarenko e Mirco Ongaro. La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta fino al 21 ottobre, dal lunedì al venerdì con orario 9.30-12.30 e 15 – 18.30.

Water tanks in New York – fotografie di Gianmaria Colognese

cologneseweb

WATER TANKS: in mostra le fotografie di Gianmaria Colognese

Dal 16 settembre al 16 ottobre, al Visionario, una mostra organizzata da interAZIONI, sul lavoro di Gianmaria Colognese sui Water tanks di NYC.

Docente all’Accademia di Belle Arti di Verona, architetto, artista poliedrico e fotografo, Colognese ci presenta un suo importante lavoro realizzato nel 2014 che ha come soggetto i Water Tanks, ovvero quei serbatoi d’acqua ad uso antincendio sospesi sopra gli edifici che hanno segnato e ancora segnano in modo caratteristico la skyline di New York e sono in generale tipici delle cittadine USA. Affascinante il soggetto, di grande impatto l’ambiente e anche la proposta espositiva di Colognese (rivista per l’occasione), realizzata con stampe di medio e grande formato e l’utilizzo di carte e tecniche particolari per aggiungere qualità materica ed ulteriore espressività all’immagine fotografica che diventa vero oggetto artistico.

Già presentato nell’aprile del 2014 a Verona in una prima versione, il lavoro è corredato da una interessante ed esaustiva pubblicazione. Con questo progetto Colognese è stato anche “premonitore” di una iniziativa chiamata Water Tank Project, organizzata dalla omonima fondazione. Iniziata nell’estate del 2014 essa prevede che i serbatoi ubicati nei cinque distretti della città siano avvolti da opere d’arte, realizzate da artisti celebri o emergenti, oltre che da studenti della scuola pubblica di New York. L’obbiettivo del progetto è di sensibilizzare tramite questa performance artistica distribuita sul territorio l’opinione pubblica mondiale ad un utilizzo consapevole della risorsa più preziosa del ventunesimo secolo: l’acqua.