COVER_N4

IMMAGINE CULTURA N.4 Guarnerio Editore

L’ambito della Fotografia è un settore peculiare in cui l’attività svolta ha caratteristiche di unicità. Nel corso degli anni l’attività si è sviluppata attraverso interventi e collaborazioni diversificate, che spaziano dalla fotografia storica, all’immagine digitale contemporanea. La competenza offerta è sia di tipo pratico che storico-scientifico e tecnico. La gestione e la conservazione degli archivi fotografici storici e contemporanei, la valutazione della qualità tecnica e dell'interesse storico dei materiali, si affianca all’utilizzo delle moderne tecnologie digitali ai fini della loro valorizzazione e conservazione, sia con l'obbiettivo di produrre immagini e campagne fotografiche attuali per usi diversificati, come ad esempio la catalogazione dei beni culturali o la promozione territoriale.

Gesso - Scuola Giovanni da Udine - Ph Guarnerio Soc. Coop

Gesso - Scuola Giovanni da Udine Ph Guarnerio Soc. Coop

L’organizzazione della documentazione fotografica di un archivio strutturato e accessibile, la creazione di occasioni espositive, piccoli musei locali o mostre sono attività abituali realizzabili direttamente e portate a termine con il coinvolgimento di risorse umane locali. L’organizzazione di laboratori, momenti didattici o formativi sono tra le diverse proposte possibili e più coinvolgenti.


Nel campo della multimedialità, Guarnerio soc. coop. realizza sia documentazione che prodotti finiti di vario genere, che vengono utilizzati principalmente attraverso il web, ma non solo. Oltre a gestire contenuti tramite la progettazione e/o la costruzione di siti web, ha realizzato dei Totem, ovvero punti informativi con informazioni per lo più culturali, a seconda delle esigenze della clientela.

Museo del Duomo di Udine

Museo del Duomo di Udine

__________________________________________ BLOG FOTOGRAFIA __________________________________________

Claudia Degano a interAZIONI con i suoi angeli
Angelo della terra … Non sappiamo che forma prenda. Un giorno è un vecchio, un altro giorno una ragazzina. Ma non fatevi ingannare dalle apparenze: possono essere tenaci . Eppure combattono le nostre battaglie, e ci bisbigliano dal nostro cuore per ricordarci che siamo noi. È ognuno di noi che ha in mano il potere sui mondi che creiamo. Possiamo negare che gli angeli esistano. Convincerci che non possono essere reali. Ma loro si mostrano ugualmente… in posti strani… e in momenti strani. E parlano per bocca di uno qualunque persona che incontriamo a volte anche ci urlano se devono. Sfidandoci. Incitandoci a combattere. Ho riconosciuto in te una sofferenza antica un'anima dilaniata come la mia come la nostra come quella di chi ama e piange di chi vuol mordere la vita Ali spiegate e frementi pronte a vibrare ali tarpate ali bloccate angeli trascinati verso terra verso il fango Angeli caduti angeli perduti angeli incarnati dispensatori di luce e d'amore angeli che sentono il dolore e soffrono. Gli angeli devono fuggire dal male che non possono combattere il male li avvilisce. e volano oltre- per volare insieme.   Claudia Degano nasce a Buenos Aires, si trasferisce in Italia diplomandosi all' istituto statale d’arte di Udine. Inizia a fotografare nel ‘78 sviluppando il reportage sociale in bianco e nero per poi approdare, come artista, al lavoro “Scene per la fotografia “, realizzato con manichini, figore con sembianze umane, androgini approfondendo lo studio del corpo maschile e femminile, Approdando con tecniche diverse come la fotomeccanica, fotoscultura, l’installazione, elaborando una ricerca sul movimento, espressione emotiva e introspettiva dell'essere umano. Come professionista lavora nello stili lire, nella fotografia industriale. ritrattistica, servizi di allualità e sulla cultura fotografica come memoria visiva. Dal 1983 inizia ad esporre nelle maggiori gallerie italiane ed estere. Udine, Montecatini. Trieste. Spittal (Austria), Milano. Ferrara, Olanda.   read more ❯
Franco Martelli Rossi e i suoi PASSAGGI
Passaggi Dal Double-Face ai Traguardi Vorrei essere cieco per vedere meglio. Godere l’essenza di una visione scarna, privata di certezze. Proiezione di mute vedute in cui ascoltare il riecheggiare di presenze lontane che si sovrappongono alla spiritualità dell’essere e allo spessore dell’istante. Vorrei comporre un affresco in cui i pensieri e i paesaggi si alternano come gli ambigui strati di una antica roccia. Come lenti Passaggi all’interno di una prospettiva, nella quale ogni soggetto diventa vago e torbido e, in questa apparenza, trovare le forme di ciò che si plasma sull’ampia strada dell’oltre: “del Dopo, del Prima, del Mentre … dell’Io, del Tu, degli Altri." Double-Face prende vita dallo specchio di Alice nel Paese delle Meraviglie e soprattutto dal desiderio di attraversarlo. Lo specchio generato dalle superfici riflettenti, non diventa solo una soglia da oltrepassare per sperimentare nuove visioni, ma un luogo dove vengono richiamate le sensazioni, i sentimenti e le storie della vita. Il luogo fisico, modificato da riflessioni e rifrazioni ottiche, produce la creazione di un luogo mentale nel quale si rivela il dialogo con il mondo circostante e l'immedesimazione nello stesso, in una condivisione e compenetrazione completa e totale. Gli scenari si compongono nel surreale, ma le immagini riflettenti, testimoniano la presenza nello spessore del luogo. Double-Face è la ricerca della molteplicità dei percorsi: il percorso fisico dentro i luoghi reali e quello della luce che rimbalza ripetutamente da tutte le direzioni possibili, riproponendo ciò che sta dietro, di fianco e davanti per proiettarsi in una ambigua profondità, dove si forma il punctum visivo. Ma è soprattutto un trasporto intimo affollato di pensieri contrastanti. Cercare il caos per trovare l'ordine, la moltitudine per assaporare la solitudine, l'urlo per sentire il silenzio. E' lineare, sobrio e dritto, il passaggio dell'occhio attraverso i Traguardi. Assomiglia al percorso visivo attraverso il cannocchiale panoramico, per approdare a una meta che spesso, però, si rivela un miraggio, un'illusione. Ma, proprio in questa esplorazione, la mente trova paesaggi inediti e inesplorati: i margini, le soste, gli intervalli. E là, dove l'indefinito regna, il confronto si arricchisce. Lo sguardo si evolve e si consolida. Si fa denso di notizie e sentimenti. E, anche se incatenato e fasciato dall'oscurità, sfrutta la minima, ma intrigante, luce per allargare la scoperta. Attraversa ambigue trasparenze ma anche celate opacità. Riesce, anche se a fatica, a passare. A trovare il traguardo. Ora può vivere. Può vedere i suoni e le forme dell'esistenza, anche chiudendo gli occhi. read more ❯
PRINCIPALI ATTIVITA'
  • ATTIVITÀ DI DOCUMENTAZIONE TERRITORIALE E STORICO-ARTISTICA
  • RIORDINO, CATALOGAZIONE E GESTIONE ARCHIVI FOTOGRAFICI
  • CREAZIONE DI PORTALI INTERNET PER DIVULGAZIONE E VENDITA
  • GESTIONE, DIGITALIZZAZIONE E STAMPA DI ORIGINALI IN LASTRA E PELLICOLA
  • PROMOZIONE, ATTIVITÀ ESPOSITIVA E FORMATIVA
  • REALIZZAZIONE DI CORSI, ATTIVITÀ DIDATTICHE E LABORATORI
  • PRODUZIONE E ORGANIZZAZIONE DI MOSTRE ED EVENTI

Responsabile PAOLO SACCO
mob. 335 5388598

email: [email protected]

Pins consigliati

  • Spot Light Award al Festival della fotografia Etica per Francesco Comello

  • Gianmaria Colognese al Visionario il 16 settembre 2016 ore 18.

  • Follow Me on Pinterest